Inquadramento biotipologico

Lo studio delle costituzioni biologiche, o del biotipo, è sempre stato di grande interesse in medicina. Molti autori si sono dedicati all’approfondimento delle caratteristiche legate alle costituzioni umane (biotipi), ricercando soprattutto l’eventuale interrelazione tra la morfologia dell’uomo, il suo atteggiamento mentale e la tendenza a contrarre determinate patologie. Ma le irripetibili peculiarità di ogni individuo, che potremmo considerare come espressione del patrimonio genetico di quell' individuo inserito nel proprio ambiente, costituiscono il limite ad una facile classificazione.

Infatti, da un punto di vista costituzionale, ogni individuo può essere definito come un insieme di caratteristiche morfologiche, fisiologiche e psicologiche che lo distinguono dagli altri individui della stessa specie, ma tali caratteristiche, solo in parte determinate dall’eredità, vengono influenzate a diversi livelli da fattori ambientali in modo apparentemente imponderabile. L’ambiente interagisce infatti con il bagaglio ereditario del soggetto, determinando in lui importanti trasformazioni che ne costituiscono la risposta adattiva.


Formazione ed esperienze personali

Il mio personale approccio al paziente si basa molto sul riconoscimento del tratto costituzionale, proprio per meglio comprenderne l'evoluzione fisio-patologica e la risposta agli stimoli ambientali. Alla luce delle informazioni derivate dalla genetica diagnostica e dalle neuroscienze, è possibile concepire per ogni individuo, inteso come biotipo, una strategia terapeutica ed alimentare personalizzata.

E' pertanto con questa finalità che in studio mi avvalgo della collaborazione di ImbioLab, laboratorio specializzato in analisi molecolari: è possibile eseguire test non invasivi, su campione salivare o su cellule ottenute da "spazzolamento" della mucosa buccale, che ci permettono di individuare la predisposizione genetica ad alcune importanti patologie quali l'insulinoresistenza, l'intolleranza al lattosio e l'intolleranza al glutine.

TORNA SU